AS

Lavatrici a barriera sanitaria per ospedali, cliniche e industrie alimentari

Lavabiancheria asettiche

La biancheria è un vettore di diffusione di infezioni potenzialmente pericolose. Negli ospedali, nelle cliniche, nelle case di riposo o nelle industrie farmaceutiche ed alimentari, diventa fondamentale, quindi, dotarsi di attrezzature adeguate in grado di assicurare una difesa contro il proliferare di germi, batteri e particelle di polvere. Le lavatrici a barriera sanitaria, sono la risposta concreta alle esigenze di pulizia, igiene e sicurezza in questi ambiti grazie a cicli ad alte temperature e al sistema di oblò contrapposti.

caratteristiche caratteristiche

Lavatrici ad alta velocità robuste e funzionali

Disponibili con capacità di carico diverse (da 26 a 66 kg) ed equipaggiate con cesto, vasca e pannellatura in acciaio inossidabile AISI 304, queste lavabiancheria asettiche sono dotate di telaio robusto adatto al lavoro intensivo. Il motore, posto in basso vicino al pavimento, mantiene il baricentro basso riducendo le vibrazioni e la rumorosità nelle fasi di centrifuga.

Gli stabilizzatori laterali conferiscono, poi, una migliore stabilità alla macchina in tutte le condizioni di utilizzo e garantiscono una minore usura del sistema ammortizzante con una riduzione degli interventi di manutenzione. Questa lavabiancheria è disponibile con riscaldamento elettrico o a vapore diretto.

Nessun rischio di contaminazione

Nel settore ospedaliero dal 10 al 15% delle infezioni sono imputabili alla bassa qualità di pulizia delle lenzuola che, nei casi più estremi, provocano addirittura la morte dei pazienti. Nell'ambito dell'industria alimentare e farmaceutica, invece, la gestione completa della lavanderia attraverso macchinari professionali è fondamentale per mantenere un elevato livello di igiene nei prodotti ed eliminare la presenza di batteri quali stafilococco aureo, salmonella, listeria ecc.

Le lavatrice a barriera sanitaria As sono state studiate in modo da offrire la giusta risposta a questa problematica: due sportelli/oblò distinti hanno la funzione di permettere il carico della biancheria sporca da un lato e di scaricare quella pulita dall’altro, evitando la ri-contaminazione dei capi lavati. Una lavabiancheria asettica, quindi, consente di rispettare la norma EN14065 (RABC).

Un microprocessore tiene tutto sotto controllo

Le nostre lavatrici asettiche sono dotate di un controllo PLC a microprocessore estremamente versatile e semplice da utilizzare. Liberamente programmabile, il sistema consente la composizione di ogni tipo di lavaggio in accordo con il tipo di biancheria caricata: ottimizzazione e adattabilità del processo in ogni circostanza, offrendo una facile integrazione con l’evolvere dei processi di lavaggio e della chimica a loro applicata.